Mutuo ipotecario vitalizio | Facile.it

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Questo sito usa cookies, anche di terze parti, e tracciatori di email per raccogliere informazioni statistiche per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso, clicca qui.
Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione.
Più informazioni..

Mia Immagine

Il mutuo ipotecario vitalizio è un mutuo garantito da ipoteca, da quel diritto reale cioè che permette alla banca di recuperare il credito coattivamente (esecuzione forzata sull’immobile) in caso di insolvenza del debitore. L’aggettivo “vitalizio” accostato al mutuo ipotecario è sorto con l’entrata in vigore della Legge n°248 del 2005, introduttiva del cosiddetto “lifetime mortgage”, tradotto letteralmente, mutuo vitalizio.


Questa forma di mutuo si distingue dal semplice finanziamento gravato da ipoteca, per il fatto di essere un prodotto dedicato ai soggetti over 65 che vogliono integrare la prestazione pensionistica con una rendita vitalizia derivante dall’acquisto di un immobile. Il mutuo ipotecario vitalizio si sostanzia in un finanziamento a medio e lungo termine con capitalizzazione annuale di interessi e spese, e rimborso integrale in un’unica soluzione alla scadenza, assistito da ipoteca di primo grado su immobili residenziali.


In virtù della normativa, per chiedere un preventivo mutuo ipotecario vitalizio, l’immobile oggetto deve avere un valore di oltre 75mila euro, deve essere di tipo residenziale e non gravato da altri diritti reali né vincoli di alcun tipo. Il mutuo aumenta con l’età del richiedente e va da un minimo di 20mila euro a un massimo di 350mila.


Trattandosi di una rendita il mutuo ipotecario vitalizio non è gravato né da interessi né da versamenti di capitale fino alla morte del richiedente o fino alla vendita dell’immobile. Gli eredi invece, devono rimborsare gli interessi maturati dalla banca e il capitale in un’unica soluzione entro 12 mesi dal decesso del mutuatario, pena l’esecuzione forzata. Se gli eredi non dispongono della somma necessaria ad estinguere il mutuo ipotecario vitalizio devono fare una nuova richiesta mutuo.

Vota il servizio:

Mutuo ipotecario vitalizio

News sul mutuo ipotecario vitalizio

Source

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni