Maiali maltrattati e ‘apolidi’: due denunce

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

Da un normale controllo su un autotreno che trasportava maiali, gli agenti della polizia stradale di Orvieto, coordinati dal comandante Stefano Spagnoli, hanno scoperto praticamente di tutto. Tanto che i due trasportatori, entrambi della Campania, oltre alle sanzioni irrogate, ora dovranno rispondere di reati come maltrattamento di animali e ricettazione.

Viaggio infinito

L’alt al mezzo pesante è scattato lunedì pomeriggio lungo il tratto umbro dell’autostrada A1, nei pressi di Orvieto. A bordo, 170 maiali destinati alla macellazione e – stando a quanto dichiarato dai due ‘conducenti guardiani’ – tutti provenienti dalla Spagna. La prima irregolarità emersa è stata quella relativa alle condizioni di benessere degli animali, a cui – pur destinati alla macellazione – devono essere evitate inutili sofferenze. In sostanza avevano viaggiato stipati, ininterrottamente, senza il riposo minimo previsto – 24 ore fuori dal tir – come invece previsto dalla legge.

Un’irregolarità dietro l’altra

A quel punto i due conducenti, su invito degli agenti, hanno raggiunto gli uffici della polstrada orvietana per i verbali del caso e da lì in poi, con l’ausilio del servizio veterinario della Usl Umbria 2, sono emersi altri aspetti ‘degni di nota’. Intanto per gli esausti animali trasportati, viste le loro condizioni, è stato disposto l’accompagnamento presso il centro di raccolta e scarico di Manziana (Roma) dove avrebbero potuto riposare. Ma il trasporto non poteva essere effettuato dai due campani che, a loro volta – ulteriori sanzioni – non avevano rispettato il periodo di riposo obbligatorio alla guida del veicolo pesante. Così è stato contattato un terzo autista che ha guidato l’autoarticolato fino al centro laziale.

Provenienza ignota

A quel punto gli animali sono scesi e tre di loro sono apparsi subito in condizioni pessime di salute: uno non riusciva neppure a stare in piedi e altri due avevano problemi tali da impedirne il trasporto. Al servizio veterinario del posto è subito balzato agli occhi un altro dettaglio: nessuno dei 170 maiali aveva all’orecchio, pur forato, il bollino che ne identifica l’origine e neppure il marchio su una coscia, alternativo al primo. In sostanza non è stato possibile accertarne l’origine né verificare se provenissero effettivamente dalla Spagna. Le conseguenze, a cascata, sono state il sequestro di tutti gli animali – in attesa degli accertamenti veterinari e della necessaria profilassi -, le denunce a piede libero dei due trasportatori e un’indagine che ora dovrà accertare cosa ci sia dietro quel trasporto ampiamente illegale.

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine