Mili S. Pietro accende i riflettori sulla scuola primaria: il confronto

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine

Nella chiesa di Mili S. Pietro proficuo dibattito che ha visto dialogare gli assessori della giunta De Luca, senatrici del M5S, consiglieri comunali, sindacalisti, famiglie e residenti del villaggio. La gente vuole sapere se la scuola verrà riaperta

Una chiesa gremita di genitori, bambini, insegnanti, ragazzi e anziani ha assistito nel pomeriggio di venerdì a Mili S. Pietro all'incontro pubblico promosso per discutere della scuola primaria del villaggio, devastata da un incendio nell'aprile 2016 e ancora abbandonata al suo destino. L'incontro, organizzato dal Centro Turistico Giovanile – gruppo di Mili S. Pietro, è stato moderato dal vicepresidente dell'associazione, Sebastiano Busà. Hanno risposto all'invito gli assessori Mondello e Minutoli in rappresentanza dell'Amministrazione comunale, i consiglieri comunali Serra, Argento e Mangano e i consiglieri della I Circoscrizione Merlino, Manganaro, Gulletta con il presidente Scopelliti, il segretario della CISL Scuola di Messina Carmelo Cardillo, il segretario generale di Messina della UIL, Ivan Tripodi e il segretario della UIL Trasporti, Michele Barresi. Sono intervenute anche le senatrici del M5S Barbara Floridia e Grazia D'Angelo.

Sollecitato dalle domande del consigliere Merlino e del moderatore, l'assessore Mondello ha smentito categoricamente l'ipotesi, da più parti ventilata, di ampliamento di un altro plesso scolastico in un altro villaggio in sostituzione del plesso di Mili S. Pietro. Lo stesso assessore ha assicurato che l'Amministrazione si sta adoperando per la redazione del progetto, che ad oggi non è ancora disponibile, e ha chiesto a questo scopo la collaborazione dei consiglieri e delle senatrici presenti, ciascuno per le proprie competenze. Le senatrici D'Angelo e Floridia hanno assicurato piena collaborazione da parte loro anche instaurando un’interlocuzione con il Governo nazionale.

Importanti anche i contributi dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali: Carmelo Cardillo della CISL scuola ha suggerito un ulteriore intervento per la salvaguardia della scuola dell'infanzia regionale che, a Mili S. Pietro, è ospitata in locali presi in affitto e che dovrebbe anch'essa, dopo essere diventata di competenza statale, poter usufruire del rinnovato plesso scolastico; Ivan Tripodi della UIL ha stigmatizzato l'assenza di risultati sia per quanto riguarda il progetto dell'edificio, che non è ancora pronto, sia per quanto riguarda la mancanza di un servizio di scuolabus per i bambini di Mili S. Pietro che devono provvisoriamente recarsi a Larderia Inferiore.

Il vicepresidente dell'associazione ha, in conclusione, espresso soddisfazione per l'avvio di un percorso condiviso di dialogo tra Istituzioni su vari livelli e ha annunciato che già nel mese entrante si procederà ad un nuovo intervento per verificare l'avanzamento dell'iter progettuale.

Categorie: 

Mia Immagine

Pulsanti abilitati solo per info: Finanziamenti e Agevolazioni

Mia Immagine